1. facebook
  2. Linkedin
  3. Instagram

I designer

Matteo Caimi

Studia e si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano. Nell’Ordine degli Architetti di Milano dal 1998, da subito si unisce allo studio di architettura Caimi&Asnaghi diventandone socio. Oltre ai progetti italiani ed europei, lo Studio sviluppa una serie di realizzazioni residenziali e di showroom in diverse città americane, New York, Philadelphia, Miami, Atlanta, Chicago e Phoenix che Matteo Caimi segue in prima persona. L’attività di progettazione spazia dal settore residenziale, anche per la cura degli interni, elaborando soluzioni che utilizzano prodotti di serie o ad hoc, fino ad arrivare a complessi scolastici, alberghieri, sportivi, industriali, banche, negozi, showroom, allestimenti fieristici e temporanei, yacht. Dal 2008 ricopre il ruolo di Director of Architecture presso l’Atlanta Design Festival. Dal 2012 al 2017, diventa Art Director dello Studio 3125, showroom di interior design europeo, a Tempe in Arizona. Nel 2018 costituisce Matteo Caimi Architecture and Design continuando il percorso iniziato presso Caimi&Asnaghi, anche presso lo studio di Miami.

Cristian Visentin

Nasce nel 1972 a Varese, si laurea in Architettura indirizzo Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano e frequenta un master in Industrial Design presso la Scuola Politecnica di Design (SPD) di Milano. Matura diverse esperienze lavorative in alcuni studi tra cui l’Atelier Bellini, lo Studio arch. Marco Zanuso jr e il centro ricerche e sviluppo Baleri Italia. Il suo Studio di Pavia si è specializzato nell’offrire al cliente un servizio che parte dal concept iniziale fino all’engineering, cercando di incontrare le esigenze tecniche e commerciali dell’azienda in un’ottica di innovazione e di proiezione verso il futuro. Questo approccio si è concretizzato in diversi ambiti tra cui il design del gioiello, packaging per dvd a edizione limitata, elettrodomestici grigi o bianchi e macchine industriali.

Marco Maggioni

Nato a Diano Marina (IM), studia industrial design all’Istituto Europeo di Design di Milano (IED). Apre un proprio studio di design nel 1991, anno in cui riceve tre segnalazioni al premio Compasso d’Oro. Ha disegnato numerosi prodotti per importanti aziende italiane ed estere con partecipazioni a mostre e fiere internazionali. Numerose le pubblicazioni dei suoi progetti. Insegna allo IED e svolge attività didattica presso Domus Academy e all’Istituto Marangoni come esperto di design 3D. Fonte di ispirazione di Marco Maggioni sono la natura e la cibernetica di cui è un grande esperto.

Maurizio Milani

Nasce e studia a Milano. Segue i corsi di graphic design con Albe Steiner presso la Società Umanitaria. Nel 1976 entra in partnership con il fratello fondando lo studio Armando e Maurizio Milani con sedi a Milano e New York. Si specializza in corporate identity, nel progetto del marchio, in segnaletica e, già nel 1981, inizia ad insegnare Graphic Design presso Società Umanitaria, IED di Milano e Roma, Accademia di Comunicazione a Milano e Industrial Design per la Comunicazione Visiva al Politecnico, al Master TdC Fashion del Tessile di Como, alla Northern Illinois University di Chicago e in numerose sedi aziendali. Ha realizzato l’immagine coordinata di Zerowatt, Tonolli, Cordenons, Tessile di Como, Federazione Italiana Malattie Polmonari Sociali, Italtel Enimont, Euroswiss Banking, di Fin. Eco Investment, Pietro Mezzaroma e del Rione Rinascimento, il marchio Mother Earth, l’immagine Miami Film Awards, IEO Istituto Europeo di Oncologia, Snam centri turistici, Fondazione Policlinico Mangiagalli e Ospedale Maggiore di Niguarda a Milano. Nel 1982 entra nel Who’s Who in Graphic Art, po in First Choice Leading International Designers e in One By One. Nel 2005 riceve la Laurea Honoris Causa in Scienze della Comunicazione da ISFOA.

Giorgio Gurioli

Inizia la sua attività nel mondo dell’elettronica con Motorola nel 1981. Nel 1985 fonda Méta Srl società di progettazione e produzione per il tempo libero. Nel 1991 è fondatore di Syn Design Srl: oggetti “simbiotici” autoprodotti (MOMA: Museum Of Modern Art di New York). Realizza nel 2002 il progetto Design extrasensoriale per Kundalini (Hara miglior oggetto di design del pianeta secondo la rivista GQ, seguono:Asana, Body, Alone). Poi nel 2009 Homology, the structure connecting le implicazioni dei nuovi linguaggi formali della genetica DNA-RNA (Lampada e poltrona per Kundalini a Cosmit). Nel 2016 fonda Bistrò, centro ricerca e sviluppo prodotto di SiComputer con l’intento di umanizzare i prodotti di elettronica e informatica. Alcune sue opere sono al MOMA di NY, al Denver Art Museum Permanent, al Stedelijk Museum Amsterdam. È docente di metodologie della progettazione presso ISIA di Faenza, Clienti: Aur.el, Kundalini, Naos, Acerbis international, Viceversa, Sigma-Tau, Giostyle, Outlook design Italia, Martini, Tonelli, Lamborghini, Cefla Group, Giovannetti collezioni, Air Liquide. Intesa SCM, Ilpo, Wasp, Alpi legno, Nucleus, Feedback.

Livia Diegoli

Nasce a Milano, la capitale mondiale della moda e del design. Immersa in un contesto così dinamico e creativo non può far altro che lanciarsi nel mondo della pubblicità. Si forma all'Istituto Europeo del Design e dopo alcuni anni passati in piccole agenzie di comunicazione, nel 1989 inizia la sua collaborazione con Carlo Talamo lavorando come responsabile della comunicazione per il gruppo Numero Uno, il primo importatore in Italia delle motociclette Harley-Davidson e Numero Tre, distributore del brand Triumph. Nel corso della sua trentennale carriera ha sempre sposato quanto detto da Seth Godin: "Le persone non comprano prodotti e servizi. Comprano relazioni, storie e magie".  Livia non si limita quindi all’art direction ma si occupa anche di grafica, marketing, eventi, design, nuove tecnologie, approdando negli ultimi anni al mondo del digitale.
Si è divisa tra l'Italia, la Francia e la Svizzera, realizzando progetti di comunicazione per Momo Design, De Agostini, RCS, Pompadour, Alcatel, Max Factor, Cesame Italia, Bialetti Industrie, Gruppo Interbrew, Lavazza, Mattel.

Michele Franco

Nasce a Manfredonia (FG) nel 1957. Frequenta e si diploma a Milano 1982, come scenografo, presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. Sin dagli esordi lavora e collabora come scenografo per lo Studio Franco Cheli, Tullio Zitkowsky, Licheri e Cappellini, Mario Catalano, Armando Nobili. Per il teatro e per la televisione (Teatro alla Scala, Piccolo Teatro di Milano, Fininvest/Mediaset, Rai, Rsi, Telecinco Espagna idea) progetta impianti scenici.
Nel campo della comunicazione nel 2003 apre uno studio di creatività, Imagina srl: progetta stand, convegni, congressi, road show, eventi commerciali, design urbano per aziende ed enti di rilievo nazionale e internazionale  (LG Elettronics, Heineken,  Banca Intesa, DdS, PD, Comunità Europea, Ericsson) creando e applicando principi estetici innovativi, tecnologici e scenici a tutto campo. Ha collaborato con lo studio Bellini per il museo di Bologna a Palazzo Pepoli a Bologna. Per la Dima Design collabora con la progettazione di un elemento di arredo urbano Roseti e la lampada Baccarat. Lavora e vive a Milano.